CONT CLIENT | CONTACT | INFO
Coș de cumpărături
0 produse
COS CUMPARATURI

The bridge. Memorie di tempi e luoghi diversi

Autor(i): Adrian Tuchel
Editura: Libris Editorial
Anul aparitiei: 2016
Nr. pagini: 298 pagini
ISBN: 978-606-93947-8-6
Pret:  30,00 lei
Disponibilitate: in stoc
Livrare estimativă: 3 zile

» modalitati transport
» info disponibilitate si retur
» formular contact

Descriere

Guarantando e vivendo da una parte e dall'altra della Cortina di Ferro.

Ieri
Per 29 anni ho trascorso la mia vita in un paese, la Romania, quella del Conte Dracula, secondo il racconto inventato dal suo autore Bram Stoker, o, piu recentemente come la nazione con a capo Ceausescu.

Oggi
I 29 anni a seguire li ho trascorsi per meta nel paese dell'arte, del sole, del bel canto e della buona cucina: l'Italia; l'altra meta l'ho vissuta con la sua storia millenaria, piena di tradizione e multiculture, in Gran Bretagna.
II passato del "Muro di Berlino" e della "Cortina di Ferro" viene dimenticato con troppa rapidita e facilita in un mondo dove tutto scorre freneticamente. Ho voluto rendere un omaggio a quel passato vissuto con difficolta da molti, come anche a quel paese che ha un gran passato da raccontare.
La crescita dei figli in un mondo libero mi ha permesso di fare un raffronto con quella che fu la mia adolescenza, il rivivere differenze e similitudini quotidiane tra gente e paesi diversi. L'insieme di queste rivisitazioni, piene di ricordi, dove l'amaro quotidiano s'addolcisce di tanto in tanto con momenti di tranquillita e dove con tocchi ironici e divertenti cerco di far conoscere ai miei figli, e a chi non ha avuto modo di fare le mie esperienze, quanto sia stato difficile trascorrere una vita in un mondo assai diverso da quelli odierni.

Fragment din "The bridge. Memorie di tempi e luoghi diversi" - Adrian Tuchel

" DRACULA

06.07.2011
La mia scuola possedeva una "cabana" cioe uno challet, a Bran, a circa trenta chilometri dalla citta in una ridente, se pur angusta, vallata circondata dalle montagne circostanti: era a disposizione della scuola e durante le vacanze o anche nei fine settimana, era usata dagli allievi e c'erano diverse stanze separate per maschi e ragazze, con letti a castello, una sala di riunione, che chiamavamo da ballo, ed una cucina sul pianerottolo.
Anche ad universita ormai terminata restavamo in contatto con i vecchi professori e si riusciva ad organizzare certe feste. Da lì era facile iniziare delle gite e raggiungere le montagne alte anche 2.500 metri d'altezza, ma c'era anche il problema che mancava tutto ed il nostro impegno era il trasporto del vettovagliamento necessario.

Con la memoria ritorno a quel capodanno del 1977, portavo sulle spalle nel sacco da montagna una tanica di 25 litri con la struttura in alluminio piena di buon vino; sul ghiaccio e la neve, sempre un equilibrio precario, ero riuscito a portare indenne il prezioso contenuto senza danni, dalla stazione dell'autobus, in centro al paese, sino al recinto dello chalet per tre chilometri, quando un imprevisto scivolone volle ricordarmi che i pericoli esistono anche nell'ultimo metro di un percorso. La struttura si piegò ma il recipiente non si ruppe, il vino fu salvo e, largo alla festa, che si protrasse per tutta la notte. "
Il paese era famoso, oltre che per chi conosceva il nostro chalet, anche per il suo castello medievale eretto in una posizione strategica, sopra la vallata, al confi ne tra la Transilvania e la Valacchia.
Conosciuto sotto il nome di Castello Bran, fu nella sua costruzione iniziale una fortifi cazione di legno innalzato dai Cavalieri membri dell’Ordine Teutonico nel 1212 (Orden der Brueder Deutschen Haus St. Mariens in Jerusalem – detto anche Deutscher Orden).